Tests‎ > ‎Clothing‎ > ‎

Polartec Power Shield

posted Mar 6, 2012, 2:22 PM by GoOut Project   [ updated Mar 11, 2012, 2:38 PM by Italo Balestra ]
Il Power Shield è uno dei più diffusi tessuti Soft Shell in commercio. Usato da moltissime aziende, si presenta con tessuti esterni più o meno resistenti e con la faccia interna più o meno “pelosa”. Ho testato due differenti tipi di Power Shield, uno classico con un velour interno tipo micro pile ed uno con pile a fibra alta per temperature più rigide. Con entrambi ho svolto le seguenti attività in condizioni d’utilizzo pressoché simili:
Ascese invernali in montagna.
  • Trekking autunnale con temperature comprese tra 0 e 15°C.
  • Corsa di 50 minuti con temperatura intorno ai 5°C.
  • Barca a vela in aprile.
     



















Risultati

I due tipi di tessuto a confronto
Dopo molti giorni di utilizzo passati a focalizzare la mia attenzione sulle prestazioni del materiale, sono assolutamente convinto dell’incredibile validità di questo prodotto. La versatilità eccezionale, soprattutto nella versione più leggera, permette di considerare un indumento in Power Shield quasi come “Il capo unico”. Sostituisce infatti in modo egregio almeno due strati del classico sistema a “cipolla” (o sistema a strati), lo strato protettivo e lo strato isolante, semplificando non poco la scelta dell’abbigliamento tecnico da portare durante un’uscita outdoor. La traspirazione in entrambi i casi è più che soddisfacente se paragonata ad un classico Hard Shell e ciò evita di dover variare gli strati in funzione del tempo atmosferico o dell’aumento della sudorazione. Al contempo, il livello di protezione dal vento e dall’acqua è accettabile. Solo dopo parecchi minuti sotto la pioggia battente entrambi i tipi di tessuto cominciano a far passare acqua. In effetti però bisogna segnalare che ci si bagna prima per le infiltrazioni dai punti di cucitura piuttosto che per l’acqua che passa attraverso la superficie del materiale. Proprio per questo sarebbero da preferire giacche che non hanno le classiche cuciture all’attaccatura delle maniche, ma un pezzo unico di tessuto. 

Anche in questo caso, il trattamento DWR (Durable Water Repellent) di entrambi i capi come su qualsiasi capo d’abbigliamento ha una durata limitata a qualche mese di utilizzo e un paio di lavaggi. 

La differenza dello spessore del pile all’interno delle giacche fa una grande differenza in termini di ritenzione del calore, ovviamente quello più pesante rimane un capo quasi esclusivamente invernale. L’elasticità del Power Shield consente grande libertà di movimento rendendolo davvero confortevole e piacevole indosso. 

 PRO CONTRO
  • Incredibile versatilità di utilizzo
  • Comfort di gran lunga superiore agli Hard Shell
  • Buona traspirazione
  • Discreta ritenzione del calore
  • Resistenza alla pioggia limitata a qualche decina di minuti

Consiglio importante: essendo il Power Shield un materiale molto elastico, appendendolo su una stampella tradizionale tende a deformarsi in modo irreparabile all'altezza delle spalle. In casi limite si scollano i vari strati del tessuto, rovinando in modo definitivo il capo. Riporre i capi piegati come dei normali maglioni. 

Power Shield test

Comments